LA COMPAGNIA DI BALLO KERASOS

 

 AURORA, DANIELE, DOROTEA, RAFFAELE, MOIRA, EMANUELE

 

 

L'ORCHESTRINA

  

RAFFAELLA TAMMORRA E TAMBURELLO

BURNY CHITARRA E MANDOLINO, RAFFAELE MARRANZANO, MICHELE VOCE CHITARRA E FRISCALETTU

  

Il nome SICILIA

 

Narra una leggenda, nata per spiegare perché a questa isola fu dato il nome di Sicilia (anticamente era Trinacria, cioè la terra dei tre promontori) che ad una bellissima principessa Libanese, il cui nome era appunto Sicilia; era stato predetto da un oracolo, che al compimento del suo quindicesimo anno di vita, avrebbe dovuto lasciare, da sola e in una barca, la sua terra natia, e che se non l’avesse fatto sarebbe finita nella fauci di “Greco-levante” - il termine mostro “Greco-levante” altro non è che l’impero bizantino, la cui dominazione lasciò dei cattivi ricordi in Sicilia - che le sarebbe apparso sotto le mostruose forme di un gatto mammone e l’avrebbe divorata. Per scongiurare alla bella principessa questo tremendo destino, al compimento del quindicesimo anno di età i suoi genitori, piangenti e disperati dal dolore, la misero in una barchetta e la affidarono alle onde. Passo tre mesi in balia delle onde e quando ormai la povera Sicilia credeva che il suo destino volgesse al termine, dal momento che non aveva più viveri e acqua, spinta da venti favorevoli approda in una spiaggia meravigliosa, piena di fiori e di frutti, ma completamente deserta e solitaria. La giovane principessa era disperata e pianse tanto fin quando non ebbe più una lacrima da versare, ecco improvvisamente spuntare accanto a lei un giovane bellissimo, che le diede conforto e amore. Il giovane ragazzo le spiego che gli abitanti dell’isola erano morti tutti di peste, e che il destino avesse scelto proprio loro per ripopolare questa terra con una razza più forte e gentile, per cui l’isola si sarebbe chiamata col nome Sicilia. Quale è l’elemento storico di questa affascinate leggenda? Il termine Sicilia dovrebbe derivare dall’unione di due termini antichi “SIK” ed “ELIA” indicanti il fico e l’ulivo, simboli che rappresenterebbero la fertilità della terra siciliana. I riferimenti culturali della leggenda, secondo Salamone Marino e Giuseppe Pitrè, riflettono l’antica favola di Egesta che abbandonata dal padre Ippotòo su una barchetta fu affidata alle onde, perché non diventasse preda dell’orribile mostro marino inviato da Nettuno. Spinta da venti favorevoli, essa approda in Sicilia dove sposò il dio fluviale Crìniso, dal quale ebbe due figli l’eroe Alcésti e Eolo.

 

 

 

 

 

 

 

 

DIRETTORE ARTISTICO

   MICHELE SICILIANO